Mai visto un fiore che cammina?

Un giorno, camminando per strada, mi è capitato di incontrare un cappellaio ambulante molto speciale. Non aveva nulla da vendere, ma insegnava a costruire dei cappelli a forma di fiore. Nel suo banchetto erano disposti in modo ordinato tutti i modelli e le relative sagome multicolori, pronte per essere assemblate.

Ti piacerebbe provare? Un cappello è una cosa seria, non bisogna avere fretta. Si deve scegliere con calma. Quanti petali? Di quale forma e colore? E assemblati con quale sequenza?

Esistono infinite variazioni possibili, perciò ogni fiore sarà unico, anche solo per un dettaglio, e diventerà un oggetto speciale anziché un gadget anonimo. Così i fiori-ambulanti cominceranno a girare per le strade e i giardini, attirando sguardi curiosi.

Come in natura, a fronte di un’infinita varietà, i principi base di costruzione sono pochi e semplici. Le immagini qui sotto illustrano le tre tecniche principali, che il cappellaio mi ha svelato in cambio di due gelati e sette biglie di vetro.


Le possibili variazioni del modello n.1 e n.3 riguardano i petali (forma, dimensioni, colore, sequenza), mentre nel modello n.2 si può scegliere il colore della cupola, le forma e le dimensioni delle foglie o dei petali sulla sommità.

Si può anche dare un nome al cappello-fiore e costruirne uno per ogni componente della famiglia o per i vostri amici.

Siete i benvenuti a condividere via mail o Facebook i vostri modelli per arricchire il catalogo dei fiori che camminano. Buon lavoro!

Register to newsletter for receiving a video link about the 100 languages!
Register to newsletter for receiving a video link about the 100 languages!